martedì 29 novembre 2016

Figlie della Terra


… Per quanto tempo puoi fingere di non essere quello che sei?
A che prezzo ti sforzi di essere “normale”?
E poi cos’è “normale”?
Siamo sicuri che essere come tutti gli altri sia la cosa più giusta?
Dana sente che dentro di lei qualcosa spinge per uscire, ma non è ancora pronta per accettarlo.
Arriveranno i sogni inspiegabili, le visioni, residui di un lontanissimo passato, dove affondano le sue radici.
L’incontro con una “strega” poi, scuoterà del tutto la sua vita “normale”, portando però luce e chiarezza dove prima c’era il buio…

venerdì 18 novembre 2016

Normalità




Mantieni la lucidità

Resta sulla Terra

Non sono voci, ma rumori
Concentrata presente
Solo quel che vedi e tocchi esiste
Nessuno ti sfiora, solo l'aria
Produci
Crea? No
Perchè non lo fai?
Produci soldi
Vivi e sorridi, soprattutto sorridi
La gente, i tuoi simili (?)
Prendi una pillola
La Rossa o la Blu?
Non è amore
Dal biasimo facile
Tu, cosa vuoi
Chi resta vicino a te
Amore distorto e possessivo
Ti deve bastare.
Puoi amare meno
Puoi volere meno dell'assoluto?

lunedì 14 novembre 2016

Plenilunio della Luna delle Nebbie

       


                                                      
Vento freddo di Novembre
che le foglie agiti
e i capelli intrecci.
Sgombra il cielo
dalle nubi cupe
e lascia splendere in cielo
la luna delle Nebbie.
Fata dagli occhi grigi
rapita in un lontano pensiero
il futuro scruti al di là del velo
che gli antichi ti mostrano la via.

giovedì 10 novembre 2016

ACHILLEA MILLEFOLIUM

Chiamata anche "Millefoglie, Sanguinella, erba militare, Trementina, Erba del Diavolo", è un'erbacea dal fusto slanciato e molto duro. Le foglie alternate, pennate, lunghe e frastagliate. In primavera-estate compaiono i capolini fiorali, bianco e rosato, piccoli e riuniti in vistosi corimbi. Molto diffusa in tutta Italia, in prati incolti e lungo i sentieri, è vulneraria, antifiammatoria, antipiretica,

venerdì 4 novembre 2016

Sangre menstrual


"Per quelli che ci hanno addottrinato all’usa e getta. Per tutti quelli che speravano che rifiutassimo indefinitivamente il nostro proprio corpo.
Questo è il succo delle nostre viscere dal quale non scappo, una macchia senza limiti, un rispremere che non potete fermare. Il mio corpo si disperde, il mio pensiero anche."

In Spagna esiste un movimento femminile che si chiama Sangre menstrual e il nome direi che già spiega il genere di battaglia combattuta.
Vestite con pantaloni macchiati di rosso, queste donne manifestano contro il tabù del ciclo femminile; una provocazione? Assolutamente sì.