mercoledì 14 dicembre 2016

Lune piene, Lepri e Sogni...




La notte scorsa ho dormito poco e male. Vuoi per la Luna piena, che mi fa sempre questo effetto, vuoi per il ciclo in arrivo o il marito che russa, insomma non è stata una notte riposante.
Verso mattina mi sono riaddormentata fortunatamente, un sonno profondo e rapido che in breve (mi sembrava) mi ha portata a sognare...

martedì 13 dicembre 2016

Luna della Quercia



Domani  14 dicembre 2016, ultima Luna piena dell'anno, Luna della Quercia, Luna della neve, Luna delle lunghe notti:
"La Luna in Gemelli ci suggerisce di tornare a Casa. Di tornare da quella parte nascosta e illuminarla. Dobbiamo illuminare i nostri volti, le nostre verità, le nostre insicurezze, dobbiamo abbracciare le cose che non capiamo. Dobbiamo tornare a casa, nel nostro io, nel nostro emisfero Nord, nel freddo, nel gelo e lasciare che si sciolga. Lasciate che le cose accadano, seguite il consiglio dei Gemelli, tornate a casa.
Questa Luna porta con se un dono della conoscenza, il capire i nostri “demoni” e le nostre “paure” interiori, ci può portare a comprendere chi siamo davvero.
Non v’è miracoli o altro in questo giorno. E’ solo un giorno dove dobbiamo comprendere e conoscere.. Per noi stessi, per le cose che possono fare a bene a noi.
Tornare a casa significa rimettere in ordine nel disordine della nostra vita. Tornare a casa significa essere pazzi, folli, significa addentrarsi nel nostro personale Paese delle Meraviglia, e vivere questa Follia. Date voce alla vostra essenza, date voce a quello che più vi aggrada. Date senso al senso e trovatene ancora e ancora.

La vita è follia, è vivere ogni singolo attimo, è essere ciò che vogliamo essere. Per fare tutto questo, nel compimento e raggiungimento ultimo, dobbiamo perdonarci, perdonare noi stessi, e come scritto già prima illuminare i nostri lati ombra. 
Accettarci per come siamo, accettare quello che siamo diventati o quello che diventeremo.
Stai davvero vivendo questo Momento?
Stai davvero facendo quello che ti piace?
Stai davvero vivendo?..."*



martedì 29 novembre 2016

Figlie della Terra


… Per quanto tempo puoi fingere di non essere quello che sei?
A che prezzo ti sforzi di essere “normale”?
E poi cos’è “normale”?
Siamo sicuri che essere come tutti gli altri sia la cosa più giusta?
Dana sente che dentro di lei qualcosa spinge per uscire, ma non è ancora pronta per accettarlo.
Arriveranno i sogni inspiegabili, le visioni, residui di un lontanissimo passato, dove affondano le sue radici.
L’incontro con una “strega” poi, scuoterà del tutto la sua vita “normale”, portando però luce e chiarezza dove prima c’era il buio…

venerdì 18 novembre 2016

Normalità




Mantieni la lucidità

Resta sulla Terra

Non sono voci, ma rumori
Concentrata presente
Solo quel che vedi e tocchi esiste
Nessuno ti sfiora, solo l'aria
Produci
Crea? No
Perchè non lo fai?
Produci soldi
Vivi e sorridi, soprattutto sorridi
La gente, i tuoi simili (?)
Prendi una pillola
La Rossa o la Blu?
Non è amore
Dal biasimo facile
Tu, cosa vuoi
Chi resta vicino a te
Amore distorto e possessivo
Ti deve bastare.
Puoi amare meno
Puoi volere meno dell'assoluto?

lunedì 14 novembre 2016

Plenilunio della Luna delle Nebbie

       


                                                      
Vento freddo di Novembre
che le foglie agiti
e i capelli intrecci.
Sgombra il cielo
dalle nubi cupe
e lascia splendere in cielo
la luna delle Nebbie.
Fata dagli occhi grigi
rapita in un lontano pensiero
il futuro scruti al di là del velo
che gli antichi ti mostrano la via.

giovedì 10 novembre 2016

ACHILLEA MILLEFOLIUM

Chiamata anche "Millefoglie, Sanguinella, erba militare, Trementina, Erba del Diavolo", è un'erbacea dal fusto slanciato e molto duro. Le foglie alternate, pennate, lunghe e frastagliate. In primavera-estate compaiono i capolini fiorali, bianco e rosato, piccoli e riuniti in vistosi corimbi. Molto diffusa in tutta Italia, in prati incolti e lungo i sentieri, è vulneraria, antifiammatoria, antipiretica,

venerdì 4 novembre 2016

Sangre menstrual


"Per quelli che ci hanno addottrinato all’usa e getta. Per tutti quelli che speravano che rifiutassimo indefinitivamente il nostro proprio corpo.
Questo è il succo delle nostre viscere dal quale non scappo, una macchia senza limiti, un rispremere che non potete fermare. Il mio corpo si disperde, il mio pensiero anche."

In Spagna esiste un movimento femminile che si chiama Sangre menstrual e il nome direi che già spiega il genere di battaglia combattuta.
Vestite con pantaloni macchiati di rosso, queste donne manifestano contro il tabù del ciclo femminile; una provocazione? Assolutamente sì.

lunedì 31 ottobre 2016

Samhain



Arriva Samhain, il capodanno celtico...
L'anno infatti iniziava con la sua parte oscura, allo stesso modo in cui il giorno inizia con le ore notturne.
Il giorno che segna la fine di un ciclo e l'inizio di un altro non appartiene a nessuno dei due ma è un tempo oltre il tempo, una scintilla di eternità. Questi luoghi e questi tempi presentano contemporaneamente pericoli e opportunità di conoscenza perchè si può attraverso di essi entrare nell'altro mondo e allo stesso modo le energie dell'altro mondo possono entrare nel nostro mondo quotidiano.
Samhain è ancora più cruciale perchè è l'inizio di un nuovo anno, a ricordare che ogni fine è un nuovo inizio.
I celti antichi festeggiavano in maniera solenne, con banchetti e festini che potevano durare anche una settimana, anche per una ragione pratica: il bestiame di ritorno dai pascoli veniva radunato nelle stalle e in base alla disponibilità di foraggio si macellava il bestiame in eccesso.
Il fuoco aveva un ruolo importante, considerato simbolo della scintilla futura che rifiorirà in primavera. Alla vigilia della festa tutti i fuochi venivano spenti e la gente si raccoglieva sulle colline, dove veniva preparato un grande falò. Tutti attendevano in silenzio che trascorresse l'ora degli spiriti, poi il sacro fuoco veniva acceso dai druidi e la gente festeggiava con grande gioia. All'alba ognuno avrebbe preso una torcia dal falò per riaccendere il proprio focolare domestico.
L'usanza del "dolcetto" si colloca nella tradizione di offrire il cibo ai morti per propiziarsi i poteri. Gli irlandesi usavano lasciare ai loro morti tabacco, un piatto di porrige e sedie vuote attorno al focolare.
E' un periodo adatto a tutti i tipi di meditazione e divinazione, come tarocchi e rune, e siccome le energie di questo momento sono legate alla morte possiamo rivolgere i nostri pensieri a chi ci ha lasciato e prestare attenzione ai piccoli segnali e messaggi che ci mandano...
Non indugiamo in tristezze! Festeggiamo, ceniamo con gli amici, decoriamo la casa con le zucche e travestiamoci da fantasmi.
Abbandoniamo le cose del passato, che non vogliamo più, per esempio scrivendolo su un foglietto e poi bruciandolo sul nostro fuoco di Samhain.
E' tempo di cambiare vita!
Sentiamo che l'anno vecchio se ne sta per andare, ricordiamo le cose buone e cattive che abbiamo vissuto, ricordiamo i nostri cari che non ci sono più... e quando ci sentiamo pronti accendiamo il fuoco dicendo "Accolgo con questa luce gli spiriti di coloro che se ne sono andati prima di me, siate i benvenuti!"
Prendiamo un pò di vino e beviamone un pò dopo aver detto "Ai morti!" e lasciamo alcune gocce...
Felice Samhain, felice Anno Nuovo!
)O(


da "Feste pagane"

domenica 30 ottobre 2016

La notte degli Spiriti




"Si avvicina la sera, tutti si sono riuniti, hanno mangiato, hanno bevuto, hanno goduto della reciproca compagnia, si sono scambiati scherzi, ricordi, racconti e promesse.
Il sole sta concludendo la sua corsa e già appare coperto dalle cime più alte degli alberi del bosco sacro, là sulla collina...
E' sempre più basso, se ne vede solamente un piccolo spicchio... questo freddo sole che non sta più scaldando come a Beltane, quando si faceva l'amore nei campi, o a Lughnasad, quando si lavorava duro per mietere il grano e spostare le mandrie... questo freddo sole del quale rimane solo un bagliore.

mercoledì 26 ottobre 2016

Giochi di Foglie




Foglie Pelle
Odore di bambina
Giochi e colori
Di un Autunno Mai Più Visto
Cambia la pelle
Cambia le foglie
Cambia l'odore
Mai più mio
Solo di terra
Solo di anni passati
Ma nei giorni che verranno
Il rumore di foglie pestate
Ti porteranno qui
Con me
In questo momento
Con questa luce
Con questo odore
Che altro non è che
Amore

C.R.

martedì 25 ottobre 2016

La Dea...



"La Dea è il Mondo, è la Luna, la Terra, le Stelle, le Pietre, un Seme, il Vento, un'Onda, una Foglia e un Ramo, un Bocciolo e un fiore, una Zanna e un Artiglio, la Donna e l'Uomo..."

da La danza a Spirale

venerdì 21 ottobre 2016

Tu chiamale mestruazioni





"La soppressione mestruale consiste, semplificando, nell’ingannare il corpo facendogli credere di essere costantemente in stato di gravidanza. Una donna che vuole sopprimere le mestruazioni ha a disposizione diverse opzioni."
E già questo mi fa restare perplessa: ingannare!
Oggi ho letto questo articolo:* "Si possono per scelta eliminare le mestruazioni" e non ci credevo. Davvero. Pensavo ad un titolo provocatorio a cui seguiva una serie di improperi per l'ultima scoperta scientifica che ci vuole uomini e non donne.
Invece no.

giovedì 20 ottobre 2016

Incantatrice Scalza

Pessima fattucchiera
Incantatrice incantata
Pericolosa
Tra le unghie nere
stringi i cuori offerti
Le tue malie conquistano
affascinano
a distanza.
Ma poi tutto svanisce
Il vaso è vuoto
Il coniglio non è nel cappello
E' una lepre
che corre via, al sicuro.
Nel bosco, tuo rifugio.
Meglio cinto di rovi, a protezione
ma non tua, strega dell'Est
degli inermi viandanti invece
attratti
innamorati
che ti amano ma non comprendono
l'oscuro abisso della tua anima.

C.R.



domenica 16 ottobre 2016

Guarigione della linea materna


Un grandissimo cerchio di donne oggi in Tenda Rossa: più di 50 donne si sono riunite per la Benedizione del Grembo con la luna piena di oggi. Momento particolarmente potente personalmente, in cui ho sentito subito gli influssi della potenza lunare sul mio corpo. E intenso ed emozionante con così tante persone, tante anime, ognuna con il suo bagaglio di sensazioni, amore e dolori.
Vicinissime, anche fisicamente, unite e raccolte, pronte ad abbracciare e asciugare una lacrima della vicina, fino a poco prima estranea.
Una cosa questa che mi tocca sempre profondamente.
E la spontaneità con cui si entra in contatto.

giovedì 13 ottobre 2016

Black - Ligeia





Nero, nero, come una divisa, gli abiti neri.
“Peccato, non ho fatto in tempo a dipingere le unghie, nere ovviamente.” Pensava lei, in un attimo di vanità.
Il total black le apparteneva.
E non solo per rispetto del lutto, anzi, per lei il nero era magia, protezione, scudo rispetto alle altrui energie.
Forse non era giusto allontanare tutto e tutti, ma troppo dolore ne derivava, prima o poi. 
Ti deludono, ti lasciano.
Ti apri, ti esponi.
Il cuore , il tuo centro più vivo e vulnerabile, sensibile alle ferite.
Pensieri cupi ma fuggevoli, fortunatamente.
O forse no?

lunedì 10 ottobre 2016

Il palazzo incantato - Edgar Allan Poe











Nella nostra più verde vallata,
dagli spiriti buoni abitata,
una volta sorgeva un castel:
là viveva il «Monarca Pensiero»
5e giammai su castello più nero
spiegò il vol cherubino del ciel.

Alla torre un’insegna giuliva
dipingeasi — e questo avveniva
nelle antiche, antichissime età —
10e allorquando soffiavano i venti
nelle ardite muraglie fiorenti,
vaghi olezzi spiravan di là.

E dall’ampie finestre i viandanti
travedevano spirti festanti
15i concenti d’un liuto seguir,
e all’armonico e magico suono
mover tutti d’intorno ad un trono
dove stava uno splendido sir.

E allorquando la porta s’apriva,
20di quel vasto palazzo, s’udiva
come un suono di cetere d’or:
torme d’echi per l’aëre blando
transvolavano sempre, inneggiando
alla gloria del loro signor.

25Ma lugùbri fantasmi di morte
là piombarono, e infrante le porte
quel monarca cacciaron di là,
e il castello, sì ricco di gloria,
non fu più che un ricordo, una storia
30delle antiche, antichissime età.

Il viandante ora scorge dai vetri,
fosche e strane figure di spetri
passeggiar per le scale su e giù.
Il castello ha una tinta sanguigna,
35e la torma di larve sogghigna
non potendo sorridere più!

mercoledì 5 ottobre 2016

Settimana dell'Allattamento Materno


Sapevate che esisteva la settimana dell'allattamento? Io no. Nonostante sia mamma e abbia allattato con molto piacere. Anzi, se devo dire la verità è la cosa che mi manca di più del periodo “bimbi piccoli”.
Ma parlando della SAM (Settimana per l'Allattamento Materno) l'ho piacevolmente scoperta da poco grazie ad una cara amica fotografa che si è impegnata professionalmente con la creazione di un calendario (Mamma Natura Allattami) che celebra questo atto d'amore unico e prezioso.
Se volete prendere visione della sua opera (di cui fa parte anche la foto qui sopra) e avere maggiori informazioni vi lascio il link alla sua pagina.

Ricercando sul web, condivido questo pensiero:
"Per quanto i surrogati industriali del latte materno attualmente in commercio risultino ampiamente sicuri e provvisti dei principi nutritivi necessari alla crescita del bambino, nulla al mondo può sostituirsi all’allattamento al seno, dato che dal prezioso siero materno transitano principi immunitari, cellule staminali di tipo epatico e anticorpi necessari non solo al mantenimento salute della prole, ma anche ad impedire che nel corso della crescita il bimbo possa cadere vittima di patologie e problematiche organiche.
Premesso che la libertà di allattare o meno resta confinata ad una sfera decisionale individuale e che non vi è ragione alcuna per mortificare una neo-mamma che non se la sente di intraprendere la lunga strada dell’allattamento, è comunque compito delle istituzioni sanitarie e della società civile cercare di vincere le resistenze e le remore in materia, andando ad illustrare nel dettaglio tutte le evidenze scientifiche in materia e cercando di far capire che, quella che può sembrare una rinuncia, non è altro che il primo e più grande atto di amore che una madre può fare."
http://www.emergeilfuturo.it/universo-bambini/al-via-la-settimana-dellallattamento-al-seno/
Mentre dal sito ufficiale MAMI:
"La Settimana per l’Allattamento Materno (SAM) – dal 1 al 7 di ottobre tutti gli anni raggruppa gli sforzi di tutti i promotori dell’allattamento materno, i governi, ed enti per sensibilizzare l’opinione pubblica e per generare sostegno, utilizzando un tema diverso ogni anno.
Il tema della SAM è lanciato dalla WABA, World Alliance for Breastfeeding Action ossia Alleanza mondiale per interventi a favore dell’allattamento, un’alleanza globale di individui, reti ed organizzazioni che proteggono, promuovono e sostengono l’allattamento al seno, basata sulla Dichiarazione degli Innocenti e la Strategia Globale per l’Alimentazione dei Neonati e dei Bambini
dell’OMS e dell’UNICEF.
Nota importante: La WABA non accetta sponsorizzazioni di qualsiasi tipo dalle ditte produttrici di latte artificiale, accessori connessi, e cibi complementari. WABA incoraggia tutti i partecipanti alla Settimana per l’Allattamento Materno (SAM) a rispettare e seguire questa presa di posizione etica. Il materiale WABA non deve essere utilizzato insieme con, oppure da parte di, interessi commerciali associati alla produzione o vendita di sostituti del latte materno, accessori connessi, tiralatte, e cibi complementari."



Devo dire che l'argomento è vasto e sentito. E non posso che fare a meno di condividere a modo mio questa iniziativa. Forza mamme <3