giovedì 20 dicembre 2012

Quasi inverno


I fiori di Samhain sono marciti nei loro vasi sulle tombe. O caduti e sparsi dal vento e dalle piogge che violente hanno adombrato ulteriormente quel giorno cupo. Un odore di morte aleggia ancora qui, in questo cimitero ormai abbandonato, ma che per me, da anni, è una seconda casa. Qui mi sento protetta, viva, vicina ai misteri più che in altri luoghi. Forse la vicinanza con il bosco aiuta. Se mi siedo nell'angolo a Nord, voltando le spalle alla Valle, solo verde incontrano i miei occhi. I sempreverdi, maestosi, attorniano il luogo sacro. Un'edera velenosa con i suoi grappoli di bacche nero violacee, si è ormai impadronita di una tomba di famiglia, l'unica del cimitero, a dire la verità. Nessuno viene qui. O pochissimi. piacciono poco i cimiteri e i morti. Qui poi sono passati oltre da molto molto tempo.
Ed io qui, mi sento in pace.

domenica 16 dicembre 2012

...and the winner is...

Ciao a tutti. 
Vi ringrazio per la partecipazione al mio primo giveaway. Ho eseguito l'estrazione tramite il sito Random.org. Pubblico qui la lista randomizzata:

Nei prossimi giorni invierò una copia del libro al vincitore.
Non mi resta che augurare buone feste a tutti.

domenica 2 dicembre 2012

Giveaway natalizio

Ciao a tutti. E' arrivato il momento di pensare ai regali da mettere sotto l'albero. Per questo ho pensato che sarebbe carino organizzare un Giveaway "libresco".
Le modalità di partecipazione sono semplicissime. E' sufficiente linkare questo post sul vostro profilo su qualsiasi social network, blog o forum preferiti. Fatto questo, inserite un commento qui sotto con il collegamento alla pagina dove avete segnalato il concorso. A questo punto siete in gara per ricevere una copia del mio libro proprio per Natale. Il concorso infatti inizia oggi e termina il giorno 16 dicembre 2012 alle ore 12.00. Subito dopo avverrà l'estrazione e spedirò il libro al vincitore. Ricordate di inserire un indirizzo email valido nel form di inserimento del commento, così potrò contattarvi in caso di vincita.
Detto questo, spero che partecipiate numerosi e vi auguro un in bocca al lupo.

venerdì 30 novembre 2012

L'anima

Come si fa a richiamare l'anima?
In molti modi, o nei ritmi della corsa, del canto, della scrittura, della pittura, della composizione musicale, con visioni di grande bellezza, con la preghiera, la contemplazione, i riti e i rituali, l'immobilità, la quiete, perfino con idee e umori estatici. Sono tutte chiamate psichiche che invitano l'anima dalla sua dimora.

C.P.Estès

lunedì 29 ottobre 2012

Samhain...

Spendo due parole, visto che non sono mai abbastanza.
Fra poco sarà Samhain (o Samonios o Hallowen o Ognissanti) come volete chiamarlo.
Festa demonizzata sempre più dagli estremisti cattolici...
Scusate, dai Cattolici che non sentono la necessità di informarsi di una cosa prima di condannarla.
Questa festa NON arriva dall'America.
Questa festività pagana era presente qui, molto prima
che arrivasse il cristianesimo, e ribadisco che pagano NON significa satana. Che tra l'altro è stato inventato dai cristiani, stravolgendo la figura del Dio dei Boschi, la figura maschile della religiosità pagana. 
Smettetela di accusare questa festa come subdolo tentativo di portare tutti verso l'inferno, usando i bambini che amano travestirsi... come a carnevale (c'è il diavolo pure lì, vero?).
I pagani non credono all'inferno, perchè dovrebbero mandarvici?
Lasciate libera la gente di credere in ciò che preferisce.
Ho visto molti più gesti di amore tra gente che non frequenta la chiesa che da persone che sono sempre lì in prima fila.
Detto questo, spero che tutti meditino in questi giorni, che valutino quello che hanno raccolto.
Nei campi come nella vita.
E un pensiero forte verso i nostri antenati, che non ci sono più, ma ancora ci accompagnano.
)O(

domenica 14 ottobre 2012

Le tredici colonne della Strega

Conosci te stessa
Conosci la tua arte
Impara
Applica la conoscenza con saggezza
Raggiungi l’equilibrio
Mantieni ordine nelle tue parole
Mantieni ordine nei tuoi pensieri
Celebra la vita
Armonizzati con i cicli della Terra
Respira e mangia correttamente
Esercita il corpo
Medita
Onora la Dea ed il Dio

mercoledì 26 settembre 2012

Morgana

Liquidi occhi
di un raro colore
penetrano la tua anima
svelandone i misteri.
Donna selvaggia
libera e indomabile
la terra l'aria
l'acqua e il fuoco
sono la tua essenza.

Luna del Lupo

Vento freddo di Novembre
che le foglie agiti
e i capelli intrecci.
Sgombra il cielo
dalle nubi cupe
e lascia splendere in cielo
la luna del lupo.
Fata dagli occhi grigi
rapita in un lontano pensiero
il futuro scruti al di là del velo
che gli antichi ti mostrano la via.

domenica 23 settembre 2012

Equinozio d'autunno

Dal 21 al 23 Settembre cade l'equinozio d'autunno.
Le notti durano come le giornate e il sole descrive un arco più basso nel cielo.
La bilancia è il simbolo di questo periodo, oltre per l'equilibrio giorno-notte,
ma perchè in questa festa dell'ultimo raccolto, si tirano le somme.
Si valuta se quello che si è seminato ha dato i frutti sperati, se si riuscirà
a passare l'inverno con quello che abbiamo ottenuto.
E non solo materialmente.
Tempo di bilanci spirituali, non è un caso se in questo periodo, causa le condizioni
metereologiche, ci si ritira di più in casa e in sè stessi e le riflessioni sono spontanee.
Io lo sto facendo il mio bilancio personale.
Molto è cambiato dalla primavera, quando i miei lavori erano in boccio...
Posso dirmi soddifatta per i frutti raccolti, interiormente parlando, non materialmente!
Alcune persone si sono allontanate da me, ma altre hanno preso il posto.
Tutto fa parte della mia crescita e il mio cambiamento, ormai inarrestabile.
Buona raccolta a tutti )O(

mercoledì 22 agosto 2012

Crescere

Il distacco dai luoghi soliti e dalle amicizie evidenzia, anzi rende più facile capire, chi manca nelle mie giornate, i rapporti che davvero voglio coltivare.
Non ci accompagnano sempre le persone con cui abbiamo una relazione, amorosa o di amicizia. Magari solo per un periodo, un tragitto.
Se qualcosa si rompe è segno che siamo cambiati noi o gli altri, che le nostre strade si dividono per continuare su altre vie. Per crescere ancora. Non è un abbandono. Non è un lasciare. Qualcosa è finito o si è semplicemente esaurito.
I pettegolezzi, le chiacchiere, riempiono di negatività. Le vuote parole, senza condividere pensieri positivi e sogni da realizzare, non portano a crescere. Non danno spinta avanti o verso l'alto...


lunedì 23 luglio 2012

Alla ricerca del trio

Tre è un numero magico.
Il tre è completo, sostiene tutto.
Tre punti di forza uniti sono molto diversi da un punto singolo.
Tre donne insieme.
La figlia, la madre, la saggia.
Non è solo questione di età ma di esperienze di vita o modo di porsi verso gli altri.
La giovane, la vergine, è libera, piena di energia primordiale, ma deve saperla incanalare in qualche modo. Non conosce bene il mondo e cerca il suo centro.
La madre ha l'amore dentro sè. La compassione, l'empatia. Ama e soffre. Nutre con la propria carne, il proprio sangue. Cura con il suo tocco e sente le emozioni.
La saggia non significa vecchia. Non è la megera delle favole. La saggia conosce, la saggia ha il potere del sapere. La saggia è la più forte, ma deve trasmettere la sua conoscenza o andrà perduta. La saggia ama la vergine e la madre perchè le conosce, ha già visto quello che loro stanno vedendo.
Insieme il potere è grande e tutte ne traggono beneficio.
Tre fasi, tre donne.
)O(

lunedì 9 luglio 2012

Arrivato il mio libro!

Finalmente ho pubblicato il mio primo libro "Figlie della Terra"!
La mia prima esperienza come "scrittrice" ... non so se definirmi tale, ma è un primo esperimento!
Se volete leggere un libro sulle donne, di oggi e di ieri, che parli di celti e magia, di natura e ricerca della propria via... allora è per voi! Non è una biografia, ma qualcosa di me stessa c'è...
Sto organizzando una presentazione a San Pietro Mussolino, in sala civica per il 18 Luglio, salvo cambiamenti, dove potrete acquistarlo.
Poi, successivamente, lo troverete al Merso Live, dove mi posizionerò con un banchetto, presumibilmente la sera del venerdì 20 luglio e nella giornata della domenica 22.
Al momento mi sto organizzando per l'acquisto on line direttamente dal mio sito ( www.figliedellaterra.altervista.org), quindi se volete riceverlo a casa, ordinatelo pure, sto controllando le effettive spese di spedizione e sistemando il conto paypal.
Inoltre lo troverete a breve in edicola a San Pietro Mussolino.
Senza tralasciare i siti on line come Amazon, E-bay, ecc.. e il sito di Anguana Edizioni. Se proprio volete andare in libreria, se non è esposto, richiedetelo e ve lo faranno arrivare sicuramente.
Credo di avere detto tutto... eventualmente posterò ulteriori novità!!
Grazie a tutti,
Crystal Rain )O(

domenica 1 luglio 2012

Nocino delle Streghe

Tradizione vuole che il 24 Giugno si raccolgano le noci ancora verdi, per preparare il "Nocino delle Streghe".
Tradizione che sembra risalire  a tempi remoti e al famoso Noce di Benevento, rinomato luogo di incontro per la sorellanza delle figlie di Diana.
Si raccoglievano le noci in quel fatidico giorno santo (che poi siamo comunque nei giorni di Litha -  festa pagana del solstizio d'estate - sempre lì torniamo con i santi ecc...) e si mettevano a macerare per 40 dì nella grappa (o alcool) con spezie a piacere, cannella e chiodi di garofano.
Dopo i 40 giorni di esposizione al sole e agitamenti, si aggiunge lo zucchero e si lascia riposare per altri due mesi.
Passati i due mesi, si filtra e imbottiglia, fermo fino a Natale (solstizio d'inverno).

Dosi:
24 noci verdi
1 litro di grappa o alcool
chiodi di garofano e cannella a piacere (pochi, non esagerate)
500 gr di zucchero

Purtroppo quest'anno ho trovato poche noci e quindi ne ho preparato solo un litro... Pensavo già a regalarne qualche bottiglietta a Yule... Pazienza, vorrà dire che questo me lo tengo per gli ospiti e più avanti preparerò altre grappe, magari di more .

Alla prossima ricetta allora!!!
Buona notte )O(

giovedì 21 giugno 2012

Litha

Da oggi e per i prossimi tre giorni il Sole sarà allo zenit, cioè nel punto più alto del cielo. In questo momento di massimo fulgore, anticamente si festeggiava la mezza estate, con i frutti della Madre Terra che avrebbe elargito i suoi doni  ancora per un lungo periodo. Simbolo di questa festa l'incontro tra luce e tenebra, infatti da ora le giornate impercettibilmente si accorceranno, ricordandoci l'arrivo dell'autunno.
Anche questa è una festa dei fuochi, in particolare per Litha si accendono due fuochi vicino, in mezzo ai quali si faceva passare il bestiame per purificarlo. Le ceneri fredde venivano sparse nei campi per nutrire e proteggere i raccolti.
Importante anche la raccolta delle erbe, che in questi giorni sono cariche di forza e proprietà medicamentose.
In particolare io amo raccogliere la verbena e legarla in un mazzetto con un nastro rosso, per poi appenderla vicino all'ingresso. Porta amore nella mia famiglia e nella mia casa. E di questo ne abbiamo sempre bisogno!
Vi auguro che la luce di questi giorni vi porti tante idee e progetti!
)O(

domenica 27 maggio 2012

Donna di Luce

Dana aveva un sogno sempre presente nella sua mente.
Molto tempo prima, una notte, di un lungo sogno confuso e subito svanito  al risveglio, una scena solo era rimasta fissa nei suoi ricordi.
Non rammentava né il luogo né il tempo.
Davanti a lei una donna.
Non sapeva che era una donna perché ne vedeva il viso o il corpo.
Non era una donna di carne.
Ma una donna di luce.
Luce tremolante e calda. Ma i contorni erano femminili.
 E, soprattutto la sensazione che le dava era quella di una donna.
Ma quello che giustificava  questo sogno fisso nella sua mente, era quello che aveva “sentito” non “visto”.
Questa donna di luce si era avvicinata a lei scivolando e sorridendo, “sentiva” Dana.
Sì, riusciva a sentire le emozioni della donna senza vederle.
E sentiva amore.
Si avvicinò poco e quando questa, che si avvicinava più veloce, aprì le braccia, anche Dana si aprì all’abbraccio.
Quando le fu accanto, la donna di luce perse il suo contorno femminile e come una nube dorata avvolse di luce Dana.

mercoledì 23 maggio 2012

Essere Strega

C'è chi mi chiede se sono una strega.
Me lo chiede chi mi conosce da vicino. Ma anche chi mi vede poco o nulla. Vedono i miei post, sanno che libri leggo. Ma come mi vedono in realtà?
Non mi sono mai dichiarata "strega", in una sorta di outing, come se dovessi esporre pubblicamente le mie preferenze sessuali. Le mie figlie non mi vedono come la strega cattiva dei cartoni animati. Nella mia cucina, nelle pentole, non sobbollisce nessuna pozione magica, solo minestre di verdure.
Ma cos'è in realtà essere strega?
La strega era una donna sapiente, una donna saggia, esperta di erbe e guaritrice.
Io di erbe sono appassionata. Amo conoscerle, cercarle, mangiarle, seccarle, berle in tisana, appenderle in giro. Ma la mia conoscenza è ancora, ahimè, limitata, molto ridotta rispettoa quello che vorrei!
Guaritrice... Dar sollievo ai dolori umani, quelli veri. Non solo fisici, ma dell'anima. I veri guaritori sanno che ad ogni malattia del corpo corrisponde un'originale malattia nello spirito.
La strega conosce e vive nella Natura. La strega non cerca una definizione. Una corrente moderna a cui associarsi. Le streghe sono sole. O hanno poche sorelle fidate. Non sbandierano al mondo i loro segreti. Vivono nell'ombra. Sono spesso odiate e disprezzate.
E, cosa più importante, non hanno scelto di essere streghe, lo sono.
Da sempre, da quando hanno ricordi, hanno sentito qualcosa dentro di loro. L'energia in un albero, in un sasso, nell'aria, nel fuoco. Una comunione con gli elementi, un'affinità con gli animali. Le streghe impiegano una vita per imparare e non dai libri, o almeno non solo, l'arte. Sapere antico bruciato.
Conoscere osare volere tacere
E a chi mi chiede se sono una strega, rispondo "Mah..."

lunedì 14 maggio 2012

Donna - Dea

Consiglio calorosamente a tutte le donne di leggere "Il risveglio della Dea" di Vicky Noble. E di tenerlo sul comodino insieme a "Donne che corrono coi lupi" .
Non sono romanzi, non sono biografie.
Sono appigli per la nostra anima, frasi incisive per dare coraggio. Coraggio di essere noi stesse, di esprimere la nostra arte, anche se non interessa a nessuno e tantomeno al "mercato".
Medicine per curare noi stesse nell'anima e ritrovare la nostra parte selvaggia.
Siamo state spente per troppo tempo, tacciate di inferiorità e portatrici di peccato.
Risvegliatevi sorelle e amate voi stesse prima di tutti.

)O(

mercoledì 11 aprile 2012

Streghe?

La persecuzione delle donne accusate di stregoneria non durò giorni, non mesi e non anni. Durò trecento anni. Tre secoli di roghi e di forche: dal Quattrocento al Settecento. La Chiesa riconobbe la potenza delle antiche credenze popolari e, come reggitrice non di fede ma di una religione antagonista, assunse le antiche credenze e la religione della Grande Dea nella  propria demonologia; le ritenne tanto pericolose per la propria struttura gerarchica e di potere, da caricarle di valenze negative per giustificarne l'annientamento...
... il corpo diverrà spregevole materia, la Natura diverrà agglomerato di atomi e di cellule, il bosco diverrà legna da ardere, le passeggiate nelle praterie, nei boschi, sui monti, diverranno conteggio delle calorie spese.

(V.de Angelis-Dalla parte delle streghe)

giovedì 22 marzo 2012

Figlia della Luna

Oggi 22 marzo, ore 15.39, luna nuova.
La luna nuova ha un doppio significato: di fine di un ciclo e inizio di uno nuovo. Oggi nel cielo notturno non si vedrà ma è pronta per ricominciare la sua rinascita, in una eterna altalena tra vita e morte.
Morte da vedersi come fatto positivo, che permette la rinascita.
Anche il ciclo femminile segue la stessa strada, negli stessi giorni della luna nuova per molte donne coincide l'arrivo delle mestruazioni, mentre con la luna piena è la fase dell'ovulazione.
Donne unite alla luna, legata all'elemento acqua, che mette in moto le maree e regola la vita delle sue figlie.

sabato 3 marzo 2012

Fiume

La mia vita è come un fiume in piena.
Vengo spinta con forza in una direzione che non credo di volere.
A volte mi aggrappo alle mie incertezze, come massi spogenti,
ma la mia presa è debole e presto una forza più grande di me
mi fa proseguire.
Non voglio vedere la fine del fiume...

lunedì 27 febbraio 2012

Aria

Il vento si alza a volte impetuoso e fa tremare i miei balconi di legno,
mi rovescia i vasetti di pungitopo sul terrazzo,
e annoda i capelli miei e delle bimbe.
Ma l'aria non è fredda, non ha quel gelido pungente carattere
si sente tiepida e viva, portatrice di nuove cose.
L'aria della primavera che arriva.
Nei prati accenna un verde nuovo, a tratti,
sugli alberi minuscole gemme, timide, sembrano tentare la vita.
La terra è arida ma pulsa la sua essenza,
grembo materno pronto a ricevere i semi.
Le mie mani anelano la terra muschiata, buona
il lavoro che porterà i suoi frutti.
Il richiamo è forte, forse mi strapperà dall'inverno della mia anima.

lunedì 30 gennaio 2012

Imbolc

Imbolc La luce che è nata al Solstizio di Inverno comincia a manifestarsi all’inizio del mese di febbraio: le giornate si allungano poco alla volta e anche se la stagione invernale continua a mantenere la sua gelida morsa, ci accorgiamo che qualcosa sta cambiando. Le genti antiche erano molto più attente di noi ai mutamenti stagionali, anche per motivi di sopravvivenza. Questo era il più difficile periodo dell’anno poiché le riserve alimentari accumulate per l’inverno cominciavano a scarseggiare. Pertanto, i segni che annunciavano il ritorno della primavera erano accolti con uno stato d’animo che oggi, al riparo delle nostre case riscaldate e ben fornite, facciamo fatica ad immaginare.Se sovrapponiamo la Ruota dell’Anno al nostro moderno calendario, la prima festa che incontriamo cade l’1 febbraio. Presso i Celti l’1 febbraio era Imbolc (pronuncia Immol’c) detta anche Oimelc o Imbolg. L’etimologia della parola è controversa ma i significati rinviano tutti al senso profondo di questa festa. Infatti Imbolc pare derivare da Imb-folc, cioè “grande pioggia’ e in molte località dei paesi celtici questa data è chiamata anche “Festa della Pioggia”: ciò può riferirsi ai mutamenti climatici della stagione ma anche all’idea di una lustrazione che purifica dalle impurità invernali.Invece Oimelc significa “lattazione delle pecore” mentre Imbolg vorrebbe dire ‘nel sacco” inteso nel senso di “nel grembo” con riferimento simbolico al risveglio della Natura nel grembo della Madre Terra e con un riferimento più materiale agli agnelli, nuova fonte di cibo e di ricchezza, che la previdenza della Natura e degli allevatori avrebbe fatto nascere all’inizio della buona stagione.L’allattamento degli agnelli garantiva un rifornimento provvidenziale di proteine. Il nuovo latte, il burro, il formaggio costituivano spesso la differenza tra la vita e la morte per bambini e anziani nei freddi giorni di febbraio.
Imbolc è una delle quattro feste celtiche, dette “feste del fuoco” perché l’accensione rituale di fuochi e falò ne costituiscono una caratteristica essenziale. In questa ricorrenza il fuoco è però considerato sotto il suo aspetto di luce, questo è infatti il periodo della luce crescente. Gli antichi Celti, consapevoli dei sottili mutamenti di stagione come tutte le genti del passato, celebravano in maniera adeguata questo tempo di risveglio della Natura. Non vi erano grandi celebrazioni tribali in questo buio e freddo periodo dell’anno, tuttavia le donne dei villaggi si radunavano per celebrare insieme la Dea della Luce (le celebrazioni iniziavano la vigilia, perché per i Celti ogni giorno iniziava all’imbrunire del giorno precedente).

mercoledì 11 gennaio 2012

Vivere...

Come fare?
Come vivere i giorni nella normalità?
Come fate a dimenticare ciò che siete?
Non ricordare come si respira nel bosco,
come fremono le pietre,
come riscalda la Terra.
Quanto amore dà un animale
e quanta energia un albero?
Come smettere di sognare?
Per vivere nel mondo degli uomini?

mercoledì 4 gennaio 2012

...

..e sull'Isola che non c'e' piu'..
..Incontrai per caso la mia Maestra Viviane..

..mi ricordo ancora i suoi Lunghi capelli intrecciati dalla corteccia della Quercia..
..ed ella mi condusse pian piano all'Interno del Bosco Incantato..
..portandomi nuovamente "la Gioia della Dea"..

..ella sapeva Dominare gli Elementi..
..e conosceva la piu' Antica Magia del Tempo riconoscendosi in Essa..

..un giorno partimmo per la Citta'..
..anzi per la Provincia..
..per adempiere alle Profezie pronunciate dall'Aspetto Divino..

..e da quel Giorno..
..non la Rividi piu'..

..o almeno cosi' .....Io credevo.....

..poiche' Ella la rincontrai nuovamente in altri abiti..
..e altri Corpi..
..in diverse vite..
..e Sempre combattendo fianco al fianco per il Ritorno della Dea..

..nata ora come Uomo..
..mi porto' nuovamente tra le radici dei Boschi..
..mostrandomi frammenti di quei Ricordi Dimenticati..

..Ella sapeva chi Fossi Io..
..ma attese fino all'Ultimo respiro della mia Coscienza..
..per Manifestarsi nuovamente..

..e nella Luce dei suoi Occhi..
..ritrovai l'insegnamento del Tempo..
..che ancora presente tra le trame del Mio Cuore..
..non attendeva Altro..
..di potersi Realizzare nuovamente..

lunedì 2 gennaio 2012

Donna...

C'è stato un tempo in cui non eri schiava, ricordalo.
Camminavi da sola, ridevi,
ti facevi il bagno con la pancia nuda.
Dici di non ricordare più niente di quel periodo, ricorda...
Dici che non ci sono parole per descrivere quel tempo,
dici che non esiste.
Ma ricorda.
Fa uno sforzo per ricordare.
O, se non ci riesci, inventa.


Monique Wittig, Les guerrilleres, New York, Avon Books, 1969
Le guerrigliere, Bologna, Lesbacce Incolte, 1996